PONTIDA 2011…QUANDO UN POPOLO IN CAMMINO PIEGA DAVVERO LA STORIA!

OTTANTA MILA PERSONE. Questo è il numero record di presenze il 19 giugno a Pontida, che in due giorni è stata invasa da giovani e meno giovani, militanti e sostenitori della Lega, oltre ai soliti giornalisti da strapazzo. Un discorso chiaro e netto. Un ultimatum a Berlusconi e al suo partito: Riforme o la leadership berlusconiana è messa in dubbio alle prossime elezioni, che però non sono vicine, poichè “in questo momento vincerebbe la Sinistra” (U.Bossi).
Un mea culpa (a nome del Governo) su Equitalia (o Equitaglia??) e sulle sue misure vessatorie nei confronti di cittadini, che non sono schiavi.

…e sui progetti futuri, è stato consegnato a tutti i presenti un volantino con “FATTI IN TEMPI CONCRETI”

img005

Da anni non si vedeva così tanta gente a Pontida… la gente del Nord è stanca di promesse ed imbonitori. Federalismo subito, con Bossi e Berlusconi… oppure secessione!

In poche parole:

  • STOP ai “bombardamenti intelligenti” sulla Libia;
  • RISCRIVERE il Patto di Stabilità per i Comuni;
  • DECENTRAMENTO dei Ministeri al Nord (alla brutta faccia di Alemanno e (S)Polverini!!);
  • RIFORME  o SECESSIONE!!!!

 

““150 anni di INFAMIA non possono cancellare MILLENNI di storia! Padania Libera!!!”

C.C. ovvero il signor Buchìna Dólsa

Non avrebbe meritato nessuna replica l’articolo di Segnali di fumo “Richiedei al bivio” firmato da C.C. nel quale non solo si prevedeva la disgregazione dell’Ente o lo spostamento dei punti decisionali fuori dal territorio di competenza ma soprattutto si preannunciava il passaggio del Servizio di Assistenza Domiciliare dalla gestione del Richiedei a qualche Cooperativa.

Perché questo articolo non merita una risposta?
Perché i fatti dimostrano il contrario: il Servizio di Assistenza Domiciliare comunale è stato aggiudicato mediante bando pubblico al Richiedei.

Perché replichiamo allora?
Perché il Sig. C.C. è stato proposto da vari gruppi di sinistra come Consigliere di amministrazione del Richiedei in sostituzione di uno recentemente dimessosi ed ha firmato l’accettazione di una eventuale nomina.

Tempo scaduto!
Non si entra in una squadra a giochi cominciati e quando sta vincendo la partita.

Se voleva entrare nella stanza dei bottoni, il Sig. C.C. doveva offrirsi un anno e mezzo fa quando bisognava rimboccarsi le maniche, lavorare e … metterci la faccia.

Le nostre nonne direbbero: Brào buchìna dólsa, adès chè la turta l’è fàda, ta öt maiàla.

Rimani a bocca asciutta e continua a “vigilare” ma fallo meglio: leggi attentamente gli atti ufficiali della nostra Amministrazione Comunale e ti accorgerai che sono costruiti per sostenere e potenziare il Richiedei come i fatti, non le voci, dimostrano.

Buona Pasqua Padana!

La Sezione Lega Nord e il Gruppo Giovani Padani di Gussago augurano a tutti una Serena e Felicissima Santa Pasqua, nella speranza che la Luce del Cristo Risorto dagli inferi illumini e purifichi i cuori di tutti noi, membri riconoscenti di una civiltà millenaria ricca di tradizioni.

Da così...

Da così…

...a così!

…a così

Nessuno tocchi il Sole delle Alpi.

Senza titolo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questo adesivo lo abbiamo rimosso a Gussago in Via Richiedei vicino all’Asl. Ne abbiamo visti altri nei pressi dell’ITIS a Brescia.

CHI VUOLE QUESTO TRICOLORE “divieto al Sole delle Alpi” simbolo di intolleranza e di ignoranza delle proprie radici?

Noi non accetteremo che siano cancellate le “rosette celtiche” dal Pulpito di Maviorano e che sia abrasa la pietra sul lato sud della Chiesa di Sale a Gussago.
Non permetteremo che siano cancellati i “simboli solari” delle Chiese benedettine di San Fermo a Verona e dell’Abbazia di Staffarda.
Nessuno deve demolire le chiese romaniche della Carnia sui cui stipiti gli artigiani che le hanno costruite hanno scolpito questo simbolo solare.
Anche dalla chiesa di San Pietro a Spoleto devono essere cancellare le rosette celtiche?
Dovranno essere demoliti anche i mosaici del Palazzo dei Normanni a Palermo?
E poi passiamo in altre parti del mondo, come a Siviglia (Tomba Visigota) o in Isreale dove è scolpito a Nazareth.

sole-delle-alpi-nei-monumenti-storici

 
Perché i popoli che perdono la memoria, non hanno speranze per il futuro.
Non ci si deve vergognare di appartenere ad un Popolo, ma di fare di tutto per omologarsi ad un sistema mondialista che vorrebbe metterci tutti nel tritacarne cancellando la nostra memoria.

L’opinione degli assenti ha valore?

Con riferimento a questo articolo apparso sul Blog del PD Partito Democratico Circolo di Gussago a firma di Giordano Dossi dal titolo “Riflessioni sull’Unità d’Italia” che certamente non era presente all’incontro ma vuole dire comunque la sua.

Caro Giordano Dossi,
grazie per l’attenzione che poni verso i temi ” proposti” dalla Lega e le sue iniziative.
Mi riferisco alle affermazioni che fai riguardo all’incontro pubblico organizzato lunedì 14 marzo in Sala Civica Togni.
Il titolo della serata era: Risorgimento : conquista o liberazione?
Quindi è solo la tua opinione che questa iniziativa sia stata volta solo a far passare il messaggio che la Padania sia tutt’ora occupata.
Io ero presente e, come molte altre persone, non ho sentito l’intervento d’apertura del segretario della Lega Nord Gussago Elisa Rosola (come scritto sul volantino) perché era a casa ammalata, ma ho sentito con le mie orecchie Emanuele Calabria (capogruppo di maggioranza) dare il benvenuto a tutti.
Non ho neanche sentito il Prof. Stefano Bruno Galli, relatore della serata, perché ,grazie alla avanzatissima viabilità del Nord italia, purtroppo è rimasto bloccato causa traffico in quel di Como, peccato.
Ho sentito invece relatori preparati, tra i quali anche il nostro Sindaco, fare un escursus storico del risorgimento, del brigantaggio e dei moti, sicuramente punti di vista diversi dai tuoi certo, ma che meritano comunque il tuo rispetto, perché espressi pubblicamente e democraticamente!
Ho sentito Il Prof. Ferraresi intervenire in dissenso, ricordando i Fratelli Bandiera e i Martiri di Belfiore, ho sentito Francesco Raucci, sempre ficcante, chiedere opinione ai relatori circa la posizione della chiesa cattolica nei confronti dei moti risorgimentali, ricordando la presenza del nostro vescovo In consiglio provinciale per le celebrazioni.
Chiunque è intervenuto dal pubblico ha ricevuto una risposta pacata e argomentata.
Non ho invece sentito il tuo intervento per ribadire la tua indignazione e la tua vergogna, avresti avuto, come tutti gli altri, una risposta nel merito delle tue affermazioni/chiarimenti, un parere contrario magari, ma onesto e chiaro.
Io ero presente e non ti ho visto tra noi, ma magari mi sbaglio sono corto di vista, ma sicuramente saprai dare una risposta anche tu alla domanda che io ho rivolto ai relatori, ma purtroppo la mia domanda non era scritta sulla locandina!
Per quanto riguarda la coccarda credo che gli interessati risponderanno di certo nel merito, solo chi guarda con occhio malevolo può aver scambiato quella coccarda per un insulto!
Un consiglio contro il mio interesse, cambiate atteggiamento, concentratevi più su di voi e proponete alternative credibili alla gestione di questo sciagurato paese, lasciate perdere gli uomini della Lega, continuando così ci farete sempre prendere una vagonata di voti.
Chiedere giustamente rispetto comporta inevitabilmente dare rispetto!
Matteo Codenotti

Basta Euro

Basta Euro SCARICA QUI IL MANUALE 'BASTA EURO! COME USCIRE DALL'INCUBO'


a cura di Claudio BORGHI AQUILINI, postfazione di Matteo SALVINI oppure SFOGLIALO ONLINE cliccando qui.

Links